domenica 19 luglio 2020

Mulinu Becciu (CA), 19/07/20. Medio 6 km a 4'20" di media.

Partenza da casa alle 06:05 con una temperatura di 21° e una umidità dell'88%. Poco più di un km e mi trovo nel punto di partenza dell'allenamento dentro il parco in via Brotzu. Due allunghi da 100 mt e si parte. Stavolta farò un giro che racchiude due isolati, lungo poco più di 2 km (2.030 mt), percorrendo le seguenti vie: Brotzu, Della Francesca, Giotto, Deliperi, Carpaccio, Giotto, Deliperi, Brotzu. L'intenzione è di riuscire a correre almeno a 4'30" per cui imposto sin da subito un ritmo intorno a quella velocità. 1° km: 4'28" con qualche problema dovuto al poco riscaldamento ma poi finalmente riesco a distendermi bene. 2° km: 4'24" con due leggerissime salite presenti in via Giotto e sul finire di via Deliperi. Questi i restanti 4 km: 3° in 4'19"; 4° in 4'25"; 5° in 4'15"; 6° in 4'10". Tempo impiegato per i 6 km 26'03" con media 4'20" a km. Calorie 303 con frequenza cardiaca media 141 (89%) e massima 157. Cadenza 186 passi. By Polar M430.

Rinforzo glutei - FASE I. Scritto da Samuele Graffiedi.

Abbiamo visto in questo articolo l’importanza dei muscoli glutei per la stabilità del complesso femore-bacino durante la corsa, e come la mancanza di questa stabilità sia facile causa di infortunio. In questo articolo abbiamo invece visto dei semplici metodi per valutare anche da soli se abbiamo qualche problema di debolezza dei muscoli glutei.
Qui di seguito vedremo due esercizi fondamentali per il rinforzo del muscolo gluteo medio e degli altri extra-rotatori dell’anca. Come già visto negli articoli sopra citati, questi muscoli sono importanti in quanto nel momento in cui tutto il peso è su una gamba sola mantengono il bacino orizzontale ed evitano che il ginocchio cada verso l’interno (per questo si chiamano extra-rotatori: perché mantengono il ginocchio verso l’esterno). La scelta degli esercizi non è casuale: i ricercatori studiano tramite l’elettromiografia quanto vengono reclutati i vari muscoli durante una serie di esercizi, in modo da stilare una specie di “classifica” degli esercizi più mirati. (Per chi fosse interessato a uno degli articoli più recenti, cliccate qui). 

sabato 18 luglio 2020

Mulinu Becciu (CA), 18/07/20. Allenamento 8 km in progressione.

Partenza alle ore 06:30 nel percorso a V tra le vie Setzu e Binaghi. Temperatura appena sotto i 20° con una umidità sopra l'80%. Decido di attivare il crono sin da subito per cui i primi due km sono veramente blandi: 6'57" e 5'56". Solo dal 3° inizio un po a sbloccarmi (5'41") mente gli altri 5 li faccio in costante progressione: 4° 5'23"; 5° 5'10"; 6° 5'05"; 7° 4'51"; 8° 4'28". Totale 8 km in 43'38" a una media di 5'27". Frequenza cardiaca media: 121 con la frequenza massima all'ultimo km di 148. Calorie 403 e % grassi bruciati: 24%. Cadenza media 180. By Polar M430.

Esercizio Fisico per il benessere fisico, psicologico e sociale. Dr. Matteo Simone.

Molti sono intenzionati ad iniziare a praticare una forma di esercizio fisico per diversi motivi quali il dimagrire, il rispondere ad una richiesta di un medico, ecc., ma dall’intenzione al voler iniziare c’è tanta strada da fare, molti intenzionati non hanno ancora iniziato e non inizieranno mai seppur ne abbiano l’intenzione o la necessità.

venerdì 17 luglio 2020

Mulinu Becciu (CA), 17/07/20, allenamento 10 km medio.

Oggi allenamento semi-collinare a Mulinu Becciu di 10 km. Riscaldamento 10' e partenza alle ore 06:34. Queste le vie interessate per ogni giro da 1.670 mt: Setzu, Binaghi, Brotzu, Asquer, De Martis, Borromini, Asquer, Aresu. 6 giri pari a 10 km in 48'14" a una media di 4'49". Punto più alto in ogni giro 57,2 mt (inizio via Asquer) mentre il punto più basso a 35,5 mt (termine di via Asquer). Bpm 134 con max 146 e min 100. 520 kcal totali e cadenza media 182. Questi i risultati per km: 1° 5'00"; 2° 5'13"; 3° 4'43"; 4° 4'49"; 5° 4'46"; 6° 4'30"; 7° 4'53"; 8° 4'43"; 9° 4'50"; 10° 4'40". Percentuale grassi bruciati 17%. Temperatura 19° con umidità 80%. By Polar M430.

Massa grassa, calcolo massa grassa. Tratto da "My Personaltrainer"

Massa grassa, calcolo massa grassa
La massa grassa (o FM, dall'inglese Fat Mass) rappresenta la totalità dei lipidi presenti nel corpo umano. Solitamente espressa in percentuale rispetto alla massa corporea totale, si costituisce di due componenti: il grasso primario ed il grasso di deposito.

Per grasso essenziale, o grasso primario, si intende la quota di adipe contenuta nel sistema nervoso centrale, nel midollo osseo, nelle ghiandole mammarie, nei reni, nella milza ed in altri tessuti. Considerata questa sua particolare localizzazione anatomica, il grasso essenziale possiede un ruolo fisiologico di primaria importanza, al punto da essere considerato:
la minima percentuale di massa grassa compatibile con uno stato di buona salute.

Poetto (CA), 16/07/20. Lentissimo 8 km.

Poetto (CA), ore 07:00. Oggi allenamento in compagnia di Silvia al Poetto. Andatura media 5'46" nel lungomare per 4 km di andata e ritorno. Tempo impiegato: 46'35" con bpm 117 e 408 kcal.

mercoledì 15 luglio 2020

Le piante medicinali: valide alleate dello sportivo contro il dolore. Scritto da Giovanni Occhionero.


shutterstock_149993732
L’apparato locomotore è costituito da un complesso di organi che hanno la funzione di dare sostegno al corpo e di renderne possibili i movimenti. Esso è rappresentato da un sistema scheletrico, provvisto di articolazioni (diversamente conformate per le diverse esigenze funzionali) e mosso da muscoli. Gli elementi dell’apparato locomotore funzionano in modo coordinato, e consentono una vasta gamma di movimenti grazie ad un complesso sistema di leve in cui i muscoli producono la forza motrice, le articolazioni costituiscono i fulcri del movimento e le ossa formano i bracci delle leve su cui grava il peso dei vari segmenti corporei.

Mulinu Becciu (CA), 15/07/20. Lentissimo di 8 km.

Ore 06.25, allenamento nelle strade di via Setzu e Binaghi (giro a V) a ritmo lentissimo. 8 km in 47'50" ad un ritmo medio di 5'59" a km con battito medio di 118.

martedì 14 luglio 2020

Mulinu Becciu (CA), 14/07/20. Allenamento 6 km.

Allenamento fotocopia di quello già fatto il 10/07/20 a Mulinu Becciu nell'isolato tra le vie Brotzu, Della Francesca, Giotto, Deliperi, Beato Angelico. Alle ore 06:30 la temperatura è di 23° con una umidità dell'83%. Mi avvio a piccoli passi verso il punto di allenamento cercando di riscaldare il proprio corpo in modo tale da partire ad un ritmo già efficace. La partenza stavolta la effettuo all'interno del parco in via Brotzu cosi da terminare i 5 giri previsti proprio ad angolo tra le vie Deliperi e Brotzu. Inizio allenamento alle ore 06:45 senza avere alcun obiettivo ben preciso del ritmo da seguire ma con lo scopo di arrivare a 6 km. La brevità della distanza mi da molta serenità in quanto, seppure il clima non sia ideale, sarà sicuramente uno sforzo inferiore ai 30'. Questi i tempi realizzati: 1° km: 5'15"; 2°: 4'56"; 3°: 4'34"; 4°: 4'32"; 5°: 4'15"; 6°: 3'57" per un totale di 27'35" (il 10/07/20 impiegai 27'42"). Cadenza media 182 passi a km. Consumo calorie 300 kcal. Battito medio 138 con 120 al 1° km e 151 nell'ultimo. By Polar M430.

Benessere in corsa. Tratto da "Benessere.com".

Con il n° 675 Giuseppe Ottaviani, 98 anni. Gara a Modena 2014.
La pratica di una qualsiasi attività fisica contribuisce a farci sentire meglio e ci fa vivere più a lungo. L’attività sportiva meno costosa e di più facile accesso è la corsa. 
E’ ormai ampiamente dimostrato che correre regolarmente fa bene alla salute, abbassa la quantità di zuccheri nel sangue, aiuta la circolazione, fa perdere peso e stimola il buon umore. Unica regola da osservare è quella di non esagerare e seguire alcuni semplici consigli pratici. 
Correre fa bene ...

lunedì 13 luglio 2020

Mulinu Becciu (CA), 13/07/20. Allenamento 10 km lentissimo-lento.

Mulinu Becciu, ore 07:00, allenamento lentissimo-lento di 10 km tra le vie Setzu e Binaghi.
Partenza senza riscaldamento dalla via Setzu, lunga 250 mt, per poi girare a sinistra sulla via Binaghi per altri 250 mt e ritorno (giro a V). Ogni km tra queste due vie presentano un dislivello di circa 10 mt sostanzialmente distribuite per buona parte sulla via Setzu. La temperatura è tra i 23° con alta umidità. Primo km ben oltre i 6' a km con le gambe ancora stanche dall'allenamento di domenica nel collinare tra Guasila e Segariu. Pian piano riesco a sbloccarmi e già al 2° km riesco a scendere sotto i 6' a km. Ci vorranno circa 30' per scendere sotto i 5' a km e riuscire a ottimizzare i battiti intorno ai 135. Questi i risultati dal 6° km al 10°: 4'59"; 4'48"; 4'45"; 4'33"; 4'23". Durata impiegata per i 10 km: 52'09" con frequenza media 127 (80%)  e max 158 (99%) verificatasi nell'ultima fase di chiusura nella salita di via Setzu. Calorie 519 e % di grassi bruciati:21%. Andatura media 5'13" con cadenza media di 180. Dati: Polar M430.

Peso e corsa. Scritto dal Dott. Francesco Aversano su "Nutrizione & Sport".

Il peso per un podista è importante non solo per la salute ma anche ai fini della prestazione sportiva, dove assume una certa importanza anche rispetto all'allenamento.
Quindi il podista che si pone come obiettivo il miglioramento dei tempi cronometrici, non può trascurare i vantaggi che possono presentarsi riducendo il più possibile il suo peso corporeo.
Ci sono persone che corrono da anni in sovrappeso, con dieci o più chilogrammi sopra il peso forma, sottoponendosi ad allenamenti anche molto duri, col fine di preparare una corsa a cui tengono particolarmente.

domenica 12 luglio 2020

Guasila, 12/07/20. Allenamento da Guasila a Segariu e ritorno.

Guasila, ore 08:00 del 12/07/20. Partenza dal portone di casa con direzione verso la strada che da Guasila porta a Serrenti. La temperatura è già molto alta (circa 25°) e l'umidità anche, non c'è un filo di vento. La prima parte del tragitto è asfaltato (circa 1,9 km) e si presenta piuttosto veloce con dolci dislivelli. 1° km in 5'02" e 2° a 4'39" con i battiti del cuore da 120 a 135. Finalmente termina la strada asfaltata lascio la strada che conduce a Serrenti e mi indirizzo nella sterrata a destra verso Segariu.

sabato 11 luglio 2020

Allenamento del 11/07/20. Mulinu Becciu (CA), 5 km lentissimo-lento.

Mulinu Becciu (CA), ore 06:30. Oggi allenamento molto breve (meno di 30') per limiti di tempo (a lavoro alle 08:00) tra le strade di via Setzu e via Binaghi. Percorso a V di 1.070 mt semi-collinare. Partenza lentissima (a ritmo di poco sotto i 7' a km) per poi scendere sotto i 6' km al 3° km e solo all'ultimo km sotto i 5' a km. Battito medio 115 con partenza a 102 e ultimo km a 133. Durata allenamento per i 5 km: 29'17" con un totale di calorie bruciate pari a 253 kcal. Cadenza da 88 a 91. Temperatura 23° con alta umidità. Orologio Polar M430.

Camminare a piedi nudi. La cura più antica. Tratto da "Psicoalimentarsi e curarsi naturalmente".

Il contatto con la Terra è un'esperienza sempre più rara oggi. Eppure camminare a piedi nudi dona una sensazione di diffuso benessere. Perché?
Secondo Martin Zucker, autore del libro "Earthing" (messa a terra), la camminata a piedi nudi favorisce il collegamento tra il flusso di energia elettrica della Terra e il nostro corpo.
Nel corso dell'evoluzione l'uomo ha camminato a piedi nudi e dormito per terra, ricevendo così tutti i benefici della dolce energia elettrica del suolo.
Lo stile di vita moderno ha separato l'uomo da questo onnipresente flusso di energia sottile.
Portiamo scarpe con gomma isolante che bloccano il flusso e, ovviamente, non dormiamo più in terra come si faceva un tempo.

venerdì 10 luglio 2020

Allenamento 10/07/20. 6 km a Mulinu Becciu (CA).

Mulinu Becciu (CA) 10/07/20, ore 6:42. Allenamento di 6 km con leggera progressione.
Il percorso è lungo poco meno di 1,2 km ed è sostanzialmente pianeggiante. Parte dalla via Brotzu, dentro il parchetto, per poi deviare a dx per via Della Francesca sino alla rotonda. Si entra poi in via Giotto e si gira subito a dx in via Deliperi. Ho inserito nel percorso il passaggio accanto al parco di via Beato Angelico per allungare di 300 mt il giro. Si ritorna poi in via Deliperi per deviare poi a dx nel punto di partenza in via Brotzu.
Questi i tempi a km: 1° 4'51"; 2° 4'48"; 3° 4'40"; 4° 4'35"; 5° 4'28"; 6° 4'13".
Andatura media 4'37" e durata allenamento per i 6 km: 27'43". Frequenza media 133 (max 151). Calorie 295 e perc. di grassi bruciati di cal. 17%. Cadenza media 91 (max 93). Temperatura 22° con umidità alta. Riscaldamento pre-all. 15', defaticamento post-all. 10'. Orologio Polar 430.

giovedì 9 luglio 2020

Perdita di peso e proteine del siero. Scritto da Filippo Ongaro.

shutterstock_151417415
(Filippo Ongaro)
Nonostante gli sforzi compiuti negli ultimi anni sia nell’ambito della ricerca che in quello dell’informazione, alimentazione errata e sedentarietà continuano a fare molti danni. Un recente studio finanziato dalla Bill and Melinda Gates Foundation, indica come il tasso globale di obesità sia aumentato del 33% tra il 1980 e il 2013 (The Lancet, published online May 29, 2014). L’aumento è particolarmente allarmante tra i bambini e gli adolescenti ed è particolarmente grave che in nessun paese al mondo si sia osservata una riduzione dell’obesità negli ultimi 30 anni. A quest’epidemia di sovrappeso è legato il parallelo aumento di incidenza di infarto, ictus e cancro oltre al preoccupante incremento di malattie epatiche.

domenica 28 giugno 2020

30 Cose che Devi Smettere di Fare Oggi Stesso. Tratto da Vivi Zen.

Quando smetti di inseguire le cose sbagliate, crei lo spazio per concentrarti sulle opportunità di crescita e di sviluppo.

Allora, a cominciare da oggi...

1. Smetti di cercare di essere perfetto- Il mondo non premia i perfezionisti, ma coloro che portano a termine ciò che hanno iniziato.


venerdì 26 giugno 2020

Grasso addominale e ormoni. Scritto dal Dott. Pier Luigi Rossi.

Dott. Pier Luigi Rossi.
Il grasso addominale è il grasso più pericoloso per la salute perché produce citochine, proteine infiammatorie. La distribuzione del grasso corporeo è sotto il controllo degli ormoni femminili e maschili. Quando il giro vita comincia a salire vuol dire che il profilo ormonale nella donna cambia. Gli estrogeni si riducono. Il testosterone negli uomini concentra il grasso nell’addome ad ogni età. Gli ormoni femminili e maschili possono variare con l’età e non possiamo fermare l’età, possiamo però ridurre il grasso addominale ed avere un ventre piatto, agendo su tre ormoni:
1 – INSULINA: ormone del dopo pasto, se in eccesso, causa accumulo massa grassa.
2 - GLUCAGONE: ormone del digiuno, favorisce lo svuotamento dei grassi dagli adipociti, quindi aiuta a dimagrire, a perdere grasso.
3 - CORTISOLO: ormone dello stress, fa accumulare grasso addome e parte superiore dorso, in uomini e donne.

giovedì 25 giugno 2020

Quando ingrassiamo? Scritto da Andrea Biasci il 23-10-14 su "Project Invictus".

Quando ingrassiamo? La risposta è semplice, quando mangiamo.
Cerchiamo, tuttavia, di capire, in modo chiaro, come funziona il tutto, come gli adipociti, pasto dopo pasto si riempiono.
In questo contesto abbiamo diversi attori: i macronutrienti, le calorie, gli ormoni, le membrane plasmatiche, le scorte glucidiche ed i mitocondri. Insomma la questione è lunga,  mettetevi comodi perchè val la pena leggere tutto.

Capitolo 1  L’INSULINA: perché fa ingrassare?


Tra tutti gli ormoni che svolgono un ruolo importante nella lipogenesi, sicuramente l’insulina, in misura maggiore,  è  sul banco degli imputanti.
Iniziamo col dire che ogni volta che mangiamo viene prodotta, non solo a causa degli zuccheri (vedi indice glicemico e carico insulinico).

martedì 23 giugno 2020

Sport e disabilità. Intervista a Oscar De Pellegrin, atleta paraplegico.

Oscar De Pellegrin.
Il suo sogno? «Vorrei che Olimpia­di  e Paralimpiadi avessero un’uni­ca  cerimonia di apertura e di chiu­sura,  pur sviluppandosi in tempi di­versi  ». Chi parla è Oscar De Pellegrin, 50enne bellunese, diventato paraple­gico  dopo un drammatico infortunio sul lavoro: a 21 anni finì sotto un trat­tore  che stava guidando, procurandosi una lesione midollare.

giovedì 18 giugno 2020

Stomaco del dessert. Scritto dal Dott. Andrea Deledda, Biologo nutrizionista.

Dott. Andrea Deledda.
Una leggenda anatomica vuole che, nonostante ci si senta pieni a fine pasto, esista uno stomaco supplementare, noto come stomaco del dessert, che sia sempre pronto ad accogliere il dolce.
Questo deriva dal fatto che il nostro corpo è sempre pronto ad accogliere calorie vuote, dopo aver imparato con l'esperienza che le associa alla visione di un cibo o il suo profumo (o anche la sua consistenza, nel caso delle creme ad esempio, e perfino le patatine che scrocchiano). Insomma attraverso i sensi il nostro corpo impara ad associare i cibi al piacere.

martedì 16 giugno 2020

Tendine di Achille (da Wikipedia).


Tendine di Achille
Achilles-tendon.jpg
Vista posteriore della gamba e del piede che mostra il tendine di Achille.
Il gastrocnemio è tagliato per far vedere il soleo.
Ankle.PNG
Vista laterale della caviglia umana, tra cui il tendine di Achille
Anatomia del Graysubject #129 483
MeSHAchilles+tendon
A02.880.176
Il tendine di Achille, o tendine calcaneale, origina dal muscolotricipite della sura (formato dai muscoli gemelli e dal soleo) e si inserisce sull'osso calcaneale. Come tutti i tendini è costituito dal punto di vista istologico da fibre elastiche (fibre di collagene) e da foglietti di rivestimento connettivali che prendono il nome di epitenonio, peritenonio ed endotenonio. La sua integrità anatomica può essere valutata coltest di Simmonds.

domenica 14 giugno 2020

Alimenti utili a combattere la ritenzione idrica. Scritto da Agnese Tondelli su "Ambiente Bio".

ritenzione idrica
Quello della ritenzione idrica è un problema molto diffuso che colpisce soprattutto le donne.
Il termine “ritenzione idrica” indica la tendenza del nostro organismo a trattenere liquidi soprattutto in alcune zone particolari, come addome cosce e glutei. All’origine del problema possono esserci diverse cause: da un semplice stiva di vita sbagliato, all’uso di alcuni farmaci, fino ad arrivare a gravi patologie responsabili di disfunzioni cardiache o renali. Per questo è sempre bene, prima di tutto, capire qual è il fattore scatenante.
Il rigonfiamento dei tessuti è uno dei segni principali che indica la presenza di ritenzione idrica. Assieme ai liquidi vengono trattenute nel nostro corpo anche numerose tossine che vanno ad alterare il metabolismo cellulare, già intaccato dal ridotto apporto di ossigeno e nutrienti.

mercoledì 10 giugno 2020

Hawaii, 18-01-2010. I sarti della corsa. Scritto da Orlando Pizzolato.

Hawaii: la roccia nera era calda quasi come quando la terra l’aveva vomitato in quell’isola vulcanica. Il vento che soffiava dal mare scompigliava i rami delle palme ma non rinfrescava l’aria, e già pensavo alla sofferenza che i maratoneti avrebbero provato l’indomani. Sull’asfalto scuro come la linfa di un demonio risaltava l’arancione dei coni che delimitavano la carreggiata in due perfette metà: un’andata ed un ritorno che sembrava un viaggio verso l’inferno visto che tutt’attorno gli enormi massi neri contribuivano ad incamerare il calore del sole e restituire un’aria incandescente. 
All’organizzatore chiesi se era convinto che quell’irrisoria separazione fosse sufficiente a far desistere i corridori dall’idea di passare dall’altra parte della strada, evitando di percorrere poco meno di una decina di chilometri. Lo sguardo che mi rivolse già evidenziava la stupidità della mia ipotesi e le sue parole lo confermarono: “Perché un corridore non dovrebbe percorrere l’intera distanza?” 

martedì 9 giugno 2020

15 cose che i creativi fanno diversamente dagli altri. Tratto da "Darlin".

Abbiamo spesso l’impressione che l’ispirazione e le idee nascono dal nulla e che spariscono nel momento in cui non ne abbiamo più bisogno. La creatività non è semplicemente l’analisi della parte destra e sinistra del cervello, ma si tratta di numerosi processi cognitivi, connessioni neuronali ed emozioni che stimolano la nostra immaginazione e che quindi ci rendono creativi.
Se esistono pochi individui (o forse nemmeno uno) che presentano tutte queste caratteristiche, avranno delle abilità più sviluppate che altre. Forse la vita non è proprio come nei SIMS, con un livello di completamento di ogni abilità che dobbiamo incrementare noi stessi.

venerdì 5 giugno 2020

Andar forte? No, correre bene. Scritto da Daniel Fontana.

Correre, fare jogging, corricchiare, camminare veloce o anche solo semplicemente uscire di casa e cercare di spostarsi il più lontano possibile è sempre difficile all’inizio; nella vita cominciare non è mai semplice. I pensieri che occupano la mente sono quasi ossessivi: fatica, fiatone, dolori, scomodità... poi arrivano anche le parolacce e cosi via.

LA TECNICA DI CORSA
La tecnica di corsa, lo stile, il modo nel quale muoviamo i piedi, le gambe e tutto il corpo durante la corsa, fanno la differenza tra poter correre tanto o poco, pur disponendo delle medesime energie. Tecnica e stile ci consentono di essere più o meno veloci, pur con il medesimo dispendio energetico, faticare poco o tantissimo e rischiare o meno, di farci male.


venerdì 29 maggio 2020

Tumori dell’apparato digerente: fattori favorenti. Scritto da Chiara Cevoli, biologo nutrizionista.

Se da una parte un’alimentazione corretta e uno stile di vita sano ci proteggono dallo sviluppo di diverse forme tumorali, dall’altra alcuni componenti alimentari possono favorirne lo sviluppo.

Aflatossine

Le aflatossine sono tossine prodotte da muffe e funghi, incluse tra i carcinogeni dalla IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro). Gli alimenti che possono essere contaminati da aflatossine sono: cereali(frumento, riso, mais, avena, orzo), leguminose, noci, arachidi e semi. Il livello di contaminazione da aflatossine è alto nei paesi con alta prevalenza di tumore al fegato (sud-est asiatico, Africa, Cina). Le aflatossine sono in grado di danneggiare il DNA e la capacità di riparazione del danno dipende dal corredo genetico del soggetto: non tutti infatti mostrano la stessa efficienza.

giovedì 28 maggio 2020

Corsa, addominali e postura. Scritto dal Prof. Ignazio Antonacci (RunningZen).

Conoscendo i comportamenti e l’importanza che ne danno molti runners, molti di loro si chiederanno cosa centrano gli addominali con la corsa e la postura?
La risposta è : sono fondamentali, sia per la postura in genere, sia nella corsa, e sia come fattore estetico. Chi non hai invidiato quei fisici con le “tartarughe” ben evidenti? Quasi tutti! Vediamo di conoscerli meglio e come poterli sviluppare e utilizzare al massimo delle proprie potenzialità.
Funzioni ed anatomia dei muscoli addominali.

venerdì 22 maggio 2020

Trigliceridi alti: quali cibi consumare per abbassarli naturalmente. Scritto da Agnese Tondelli su "Ambiente Bio".

trigliceridi
trigliceridi sono un tipo di grasso, presente nel nostro corpo e utilizzato come riserva di energia. Sono delle molecole lipidiche che vengono sintetizzate dall’alimentazione e, attraverso il sangue, giungono nelle cellule adipose.
Secondo gli esperti, il valore ottimale dei trigliceridi si mantiene al di sotto dei 150 mg/dL. Valori eccessivamente alti possono essere un campanellino d’allarme che ci richiama a modificare il nostro stile di vita e, soprattutto, la nostra alimentazione. Valori alti, infatti, possono rappresentare un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari, l’aterosclerosi e il diabete.

giovedì 21 maggio 2020

Allenamento: errori da evitare di Daniela Frasca (Running Italia).

Dai principianti a top runners, tutti possono sbagliare
Durante l'allenamento o la corsa è facile commettere degli errori. Dai principianti a top runners, tutti possono sbagliare.
In questo articolo vogliamo elencarvi i 10 errori più comuni che vengono commessi e darvi alcuni semplici consigli per evitarli.
1. Nessun riscaldamento
Non praticare nessun riscaldamento prima di un allenamento o di una gara, è un errore che viene commesso molto spesso, soprattutto dai principianti e da coloro che non hanno esperienza nel campo. Il riscaldamento è molto importante, perchè prepara gradualmente i muscoli ad affrontare uno sforzo.

martedì 19 maggio 2020

Perché le persone gridano? Tratto da "curiosandoinrete.com".

Un giorno, un pensatore indiano fece la seguente domanda ai suoi discepoli:
“Perché le persone gridano quando sono arrabbiate?”
“Gridano perché perdono la calma” disse uno di loro.
“Ma perché gridare se la persona sta al suo lato?” disse nuovamente il pensatore.
“Bene, gridiamo perché desideriamo che l’altra persona ci ascolti” replicò un altro discepolo.
E il maestro tornò a domandare: “allora non è possibile parlargli a voce bassa?”
Varie altre risposte furono date ma nessuna convinse il pensatore.
Allora egli esclamò:
“Voi sapete perché si grida contro un’altra persona quando si è arrabbiati?
Il fatto è che quando due persone sono arrabbiate i loro cuori si allontanano molto.

lunedì 18 maggio 2020

Sesso e sport: influenza sulle prestazioni. Scritto da Daniela Frasca.

Sesso e sport
Gli atleti hanno a lungo portato avanti la teoria che il sesso prima di una gara rappresenti uno spreco di energia. Muhammad Ali, per primo, ha dichiarato di non avere rapporti sessuali durante le sei settimane precedenti un incontro di boxe. Ma gli scienziati affermano che non ci sono evidenze fisiologiche che suggeriscano che il sesso prima di una competizione sia dannoso. Al contrario, alcuni studi suggeriscono che il sesso pre-gara può aiutare gli atleti alzando, per esempio, i loro livelli di testosterone.
Non sono chiari, tuttavia, quali siano gli effetti psicologici che il sesso può provocare riguardo alle prestazioni dell'atleta. Alcuni scienziati suggeriscono che l'astinenza potrebbe aiutare gli atleti a concentrarsi meglio.

sabato 16 maggio 2020

La medicina della consapevolezza. Sani per scelta. Scritto dal Dott. Pier Luigi Rossi.

Dott. Pier Luigi Rossi.
La medicina della consapevolezza vuol dire realizzare uno stile di alimentazione di vita come scelta di salute, senza delegare solo ai medici o ai farmaci o alle analisi cliniche e diagnostiche la nostra salute! Una alimentazione consapevole vuol dire guidare la nostra mano che porta il cibo dal piatto alla bocca. Ogni giorno!
L' ignoranza, intesa come non conoscenza, è malattia!
Recuperare ed avere un peso forma è una scelta di medicina preventiva per il cuore e l’intero sistema cardio - circolatorio.
Per un sano programma di salute e di rimessa in forma occorre realizzare due scelte: una sana alimentazione ed una attività motoria giornaliera.

mercoledì 13 maggio 2020

Curare la tecnica di corsa e la postura per migliorare l’efficienza. Sritto da Salvatore Pisana.

Che siate principianti o agonisti di alto livello, per migliorare la prestazione e prevenire infortuni è importante acquisire una buona tecnica di corsa. Come in altri sport, anche in atletica esistono dei principi fondamentali per acquisire il giusto movimento. Per imparare la corretta tecnica di corsa, è importante capire come avviene il movimento delle gambe e dei piedi.
La corsa si può distinguere in due momenti, la fase di volo e la fase di appoggio. La fase di volo è quella durante la quale avviene l'impulso motorio, nel quale l'arto di appoggio si estende e l'atleta abbandona il contatto col terreno.

martedì 12 maggio 2020

26 Frasi Zen che Ti Aiuteranno a Crescere. Tratto da "15zen.net".

“Tutto scorre, nulla rimane fermo.” – Eraclito
“Ogni persona deve scegliere se camminare nella luce dell’altruismo costruttivo o nelle tenebre dell’egoismo distruttivo.” –Martin Luther King, Jr.
“Domani sarò ciò che oggi ho scelto di essere.” – James Joyce

lunedì 11 maggio 2020

Il doppio allenamento. Scritto da Massimo Santucci.



Il doppio allenamento va proposto solo ad atleti evoluti? Quali sono le modalità per attuarlo? Aumentare le sedute significa intensificare il carico?
Ed il triplo allenamento giornaliero è follia? Ragioniamo su tutto questo
Il doppio allenamento
di Massimo Santucci

venerdì 8 maggio 2020

Come combattere il diabete. Alimentazione ed attività fisica. Scritto dalla Dr.ssa Nadia Valente.

Il Diabete è una patologia in continua crescita: secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità i diabetici nel mondo, oggi più di 346 milioni, sono destinati a raddoppiare entro il 2030. Distinguiamo il Diabete di tipo 1 (insulinodipendentele, dove cellule beta del pancreas che producono insulina sono distrutte completamente da un processo di auto-immunità) dal Diabete di tipo 2 (legato spesso all'obesità , ad una alimentazione scorretta ed alla sedentarietà, dove la produzione di insulina da parte delle cellule beta è presente ma è inadeguata al fabbisogno, aumentato a causa del sovrappeso). 

mercoledì 6 maggio 2020

Correre col caldo: 9 consigli per la corsa in estate. Tratto da "Missione Correre".

Quando le giornate si allungano e le temperature diventano più gradevoli, correre per dimagrire diventa una possibilità che in tanti prendono in considerazione per rimettersi in forma e perdere quei chili di troppo che l’inverno ci ha lasciato in eredità.
Avvicinandoci all’estate però, l’aumento della temperatura può facilmente trasformarsi da prezioso alleato a pericoloso nemico.
Quando corriamo il nostro organismo trasforma l’energia chimica del cibo in energia cinetica (movimento): questa trasformazione genera calore in eccesso, che il nostro corpo deve dissipare. Il meccanismo della traspirazione è il sistema più efficace che abbiamo a disposizione: l’evaporazione del sudore sulla pelle sottrae grandi quantità di energia termica, abbassando la temperatura corporea. Il meccanismo comporta però una grande perdita di liquidi (e sali minerali) che vanno reintegrati durante l’allenamento, specie se la durata dell’attività è superiore ai 30 minuti.

lunedì 4 maggio 2020

Doping, le cifre di un dramma sociale. Scritto da Eugenio Capodacqua.

ROMA –  “Grazie Donati. Grazie Sandro per questo tuo contributo di grande democrazia”. Don Luigi Ciotti, fautore e “motore” dell’associazione “Libera” contro tutte le mafie, non ha esitazioni nel chiosare la presentazione dell’ultimo libro di Sandro Donati, ex allenatore di mezzofondisti ed ex dirigente Coni, oggi consulente Wada  (l’agenzia mondiale antidoping) e apprezzato collaboratore dell’associazione “Libera”.
Un libro (“Lo sport del doping”, edizioni Gruppo Abele) definito dal sacerdote un “Atto di giustizia fondato sulla più seria ricerca documentale; una denuncia rigorosa e competente che scuote la coscienza e lascia un pizzico di sana rabbia. Fatta con spirito costruttivo e basata sulla difesa della salute e della dignità della persona. Con verità scomode che probabilmente a qualcuno non piacciono”.

giovedì 30 aprile 2020

Città letali: asma e infarti, colpa del traffico. Scritto da Antonino Michienzi.

A Roma 5.700 bambini soffrono di asma perché vivono vicino a strade particolarmente trafficate e quindi ad alto tasso di inquinamento. A Barcellona sono addirittura 6.900, a Vienna e Bruxelles 2.800, a Stoccolma 1.700.
È un bilancio che fa venire i brividi quello fatto da un gruppo di ricercatori internazionale che ha valutato gli effetti dell’esposizione all’inquinamento in dieci città europee concentrandosi, in particolare, su due patologie in altrettante fasce sensibili della popolazione: l’asma nei bambini e le malattie cardiache negli anziani. 

mercoledì 29 aprile 2020

Ossigeno: principale nutriente del corpo umano. Scritto dal Dott. Pier Luigi Rossi.

Dott. Pier Luigi Rossi.
Ciascuno di noi può mangiare ogni giorno 2-3 Kg di cibo, compie circa 20000 atti respiratori. Si muore di fame o di sete dopo 8-10 giorni, ma senza ossigeno si muore dopo alcuni minuti! Per "bruciare" un solo grammo di grasso corporeo occorrono 2 litri di ossigeno!
L'ossigeno è il principale nutriente del corpo umano.
Per conoscere la domanda personale di ossigeno a riposo si può eseguire questo calcolo: 3.5 ml x peso corporeo espresso in Kg x 1 minuto = millitri di ossigeno richiesto in un minuto, si moltiplica x 60 minuti = ml ossigeno in una ora, il valore ottenuto si moltiplica x 24 ore = ml ossigeno richiesto in 24 ore, questo volume espresso in ml va diviso x 1000 per ottenere il volume espresso in litri! In media deve venire un volume superiore a 300-350 litri / 24 ore.

martedì 28 aprile 2020

Tiroide: cibi e consigli per risvegliarla. Scritto da Marta Albè su GreenMe

tiroide
La tiroide è una ghiandola endocrina posizionata a livello del collo. Ha il compito di regolare il metabolismo. Inoltre, determina il flusso sanguigno diretto verso i vari organi del nostro corpo. Le cellule, grazie al sangue, ricevono ossigeno e nutrienti.
A seconda dello stato di funzionamento della tiroide, ciò può avvenire in maniera più o meno rapida. Quando la tiroide non funziona al meglio, si parla di ipertiroidismo o di ipotiroidismo.

venerdì 24 aprile 2020

L’apporto psichico della corsa. Tratto da "RunningMania".

Corsa-a-piedi1
Ogni runner sa benissimo che correre non ha un effetto benefico solo sul fisico e questo spesso è il risvolto più interessante.
Vediamo alcuni aspetti dei benefici che la corsa apporta alla nostra mente ed alla nostra vita.
Correre comporta innanzitutto un aumento della capacità di sopportare la fatica e il disagio. Portare a termine un allenamento nonostante la stanchezza o le condizioni climatiche avverse, o alzarsi da un comodissimo divano per uscire a correre nel nel buio o nella nebbia, sono situazioni che implicano una certa dose di forza di volontà e un conseguente aumento dell’autostima. I problemi della vita di tutti giorni vengono spesso ridimensionati ed affrontati con una maggiore sicurezza di se’e con una maggiore stabilità emotiva.

giovedì 23 aprile 2020

Stretching: una questione di FORZA. Scritto da Andrea Biasci su Project Invictus.

Cosa centra lo stretching con la forza muscolare? Scopriamo in questo articolo come questi due aspetti siano strettamente collegati e si influenzino a vicenda. Forza e flessibilità sono due lati di una stessa medaglia.
Normalmente quando pensiamo ad una retrazione muscolare, ad un muscolo accorciato, ci concentriamo sempre sulla componente tissutale, sul connettivo, sull’epimisio retratto.
Negli ultimi 10 anni sempre più studi hanno dimostrato che la FASCIA
svolge un ruolo fondamentale nell’accorciamento delle catene muscolari.

lunedì 20 aprile 2020

Perché le allergie e le intolleranze sono sempre più diffuse? Scritto dalla Dott.ssa Jessica Giusti.

Uno dei motivi risiede nel fatto che oggi la diagnosi è più precisa e precoce, rispetto ad un tempo. Ciò consente di identificare un maggior numero di allergie i cui disturbi un tempo venivano facilmente confusi con altri.
Una seconda spiegazione chiama in causa il nostro stile di vita e, in particolare, le abitudini alimentari. Infatti si ricorre ormai diffusamente ad additivi alimentari (coloranti, conservanti, esaltatori del gusto, aromi naturali ed artificiali) che sono tutti potenziali allergeni; sulle nostre tavole inoltre arriva una grande varietà di frutta e verdura proveniente da tutto il mondo, il cui consumo non è più limitato alle sole stagioni naturali, favorendo così il contatto con un numero sempre maggiore di sostanze potenzialmente allergizzanti.