martedì 20 giugno 2017

L'accumulo di grasso localizzato.

Scritto dal Dott. Luca Santarelli su NonSoloFitness (24-05-13).
Molte persone ai nostri giorni si iscrivono in palestra per veder scendere l'ago della bilancia, tuttavia, a volte, anche dopo aver ottenuto dei buoni risultati di perdita di peso, non sono ancora soddisfatte, perché guardandosi allo specchio notano alcune parti del loro corpo dove il grasso sembra proprio non voler andare via, insomma alcune parti dove la massa grassa sembra resistere di più nonostante i loro continui sforzi in palestra.

lunedì 19 giugno 2017

Cosa succede al corpo se eliminate lo zucchero? scritto da Eliana Cortez.

obesità
Lo zucchero è una delle sostanze più consumate al mondo e, sfortunatamente, è anche una delle più pericolose per la salute. Anche se il suo sapore dolce ha conquistato da tempo il nostro palato, il consumo di zucchero a lungo andare può ridurre la qualità di vita ed essere la causa di molti problemi di salute.
Bisogna tenere presente che non tutti gli zuccheri sono uguali. C’è da chiarire che il tipo di zucchero che può compromettere seriamente la salute è lo zucchero bianco raffinato. Sì, quello che si acquista abitualmente al supermercato, presente nei prodotti da forno, nei cibi trasformati, nei biscotti e in molti altri alimenti.

mercoledì 14 giugno 2017

Tumori dell’apparato digerente: fattori favorenti. Scritto da Chiara Cevoli, biologo nutrizionista.

Se da una parte un’alimentazione corretta e uno stile di vita sano ci proteggono dallo sviluppo di diverse forme tumorali, dall’altra alcuni componenti alimentari possono favorirne lo sviluppo.

Aflatossine

Le aflatossine sono tossine prodotte da muffe e funghi, incluse tra i carcinogeni dalla IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro). Gli alimenti che possono essere contaminati da aflatossine sono: cereali(frumento, riso, mais, avena, orzo), leguminose, noci, arachidi e semi. Il livello di contaminazione da aflatossine è alto nei paesi con alta prevalenza di tumore al fegato (sud-est asiatico, Africa, Cina). Le aflatossine sono in grado di danneggiare il DNA e la capacità di riparazione del danno dipende dal corredo genetico del soggetto: non tutti infatti mostrano la stessa efficienza.

martedì 13 giugno 2017

L’apporto psichico della corsa. Tratto da "RunningMania".

Corsa-a-piedi1
Ogni runner sa benissimo che correre non ha un effetto benefico solo sul fisico e questo spesso è il risvolto più interessante.
Vediamo alcuni aspetti dei benefici che la corsa apporta alla nostra mente ed alla nostra vita.
Correre comporta innanzitutto un aumento della capacità di sopportare la fatica e il disagio. Portare a termine un allenamento nonostante la stanchezza o le condizioni climatiche avverse, o alzarsi da un comodissimo divano per uscire a correre nel nel buio o nella nebbia, sono situazioni che implicano una certa dose di forza di volontà e un conseguente aumento dell’autostima. I problemi della vita di tutti giorni vengono spesso ridimensionati ed affrontati con una maggiore sicurezza di se’e con una maggiore stabilità emotiva.

domenica 11 giugno 2017

Tiroide: cibi e consigli per risvegliarla. Scritto da Marta Albè su GreenMe

tiroide
La tiroide è una ghiandola endocrina posizionata a livello del collo. Ha il compito di regolare il metabolismo. Inoltre, determina il flusso sanguigno diretto verso i vari organi del nostro corpo. Le cellule, grazie al sangue, ricevono ossigeno e nutrienti.
A seconda dello stato di funzionamento della tiroide, ciò può avvenire in maniera più o meno rapida. Quando la tiroide non funziona al meglio, si parla di ipertiroidismo o di ipotiroidismo.

sabato 10 giugno 2017

L’uso delle braccia durante la corsa. Scritto da Salvatore Pisana.

Nella deambulazione, nella corsa e nel movimento in genere, le braccia rivestono un ruolo molto importante. Infatti, durante l’esercizio fisico, il corpo umano si muove in maniera armonica e in modo sinergico. Nell’azione di corsa, soprattutto quella di lunga durata, il movimento delle braccia influenza il mantenimento dell’equilibrio e del ritmo. Nelle gare di corsa di sprint o nelle gare di mezzofondo e fondo, dove c’è un rush finale, le braccia ricoprono anche un ruolo di propulsione, aiutano a completare la spinta e danno sostegno.

martedì 6 giugno 2017

Correre col caldo: 9 consigli per la corsa in estate. Tratto da "Missione Correre".

Quando le giornate si allungano e le temperature diventano più gradevoli, correre per dimagrire diventa una possibilità che in tanti prendono in considerazione per rimettersi in forma e perdere quei chili di troppo che l’inverno ci ha lasciato in eredità.
Avvicinandoci all’estate però, l’aumento della temperatura può facilmente trasformarsi da prezioso alleato a pericoloso nemico.
Quando corriamo il nostro organismo trasforma l’energia chimica del cibo in energia cinetica (movimento): questa trasformazione genera calore in eccesso, che il nostro corpo deve dissipare. Il meccanismo della traspirazione è il sistema più efficace che abbiamo a disposizione: l’evaporazione del sudore sulla pelle sottrae grandi quantità di energia termica, abbassando la temperatura corporea. Il meccanismo comporta però una grande perdita di liquidi (e sali minerali) che vanno reintegrati durante l’allenamento, specie se la durata dell’attività è superiore ai 30 minuti.

lunedì 5 giugno 2017

Si fa presto a dire dieta equilibrata. Scritto da Filippo Ongaro.

Dott. Filippo Ongaro.
Quante volte ci siamo sen­titi dire che una dieta equi­li­brata è tutto ciò che ci serve per stare bene e pre­ve­nire le malat­tie? Quanti medici ancora oggi sosten­gono che inte­gra­tori, cibi fun­zio­nali e stra­te­gie ali­men­tari par­ti­co­lari siano inu­tili o per­fino dan­nosi e che dob­biamo con­ti­nuare sem­pli­ce­mente a man­giare come abbiamo sem­pre fatto?
Ma cos’è esat­ta­mente una dieta equi­li­brata? Quella della pira­mide ali­men­tare con una mon­ta­gna di cereali raf­fi­nati alla base? Quella vegana che fini­sce con il pena­liz­zare le pro­teine nobili ma chiude un occhio su zuc­cheri e cereali di troppo per accon­ten­tare più per­sone? O quella tra­di­zio­nale dello spor­tivo che assume zuc­cheri e pasta dalla mat­tina alla sera con la scusa che ser­vono ai muscoli? O bastano le cin­que por­zioni di ver­dure al giorno che tutti citano ma nes­suno assume? O serve solo la dieta medi­ter­ra­nea che gli ita­liani hanno però tra­sfor­mato pian piano nella dieta della pasta, della pizza, del pane e del tramezzino?

domenica 4 giugno 2017

Correre velocemente: gli allenamenti indispensabili – seconda parte. Tratto da "Missione Correre".

Dopo aver analizzato alcuni test per valutare le grandezze atletiche, abbiamo visto una parte degli allenamenti per aumentare la velocita. Completiamo la trattazione di questo argomento illustrando altre tipologie di allenamento.
Quelli che seguono costituiscono le sessioni fondamentali che concorrono al miglioramento della capacità o potenza aerobica.

6 CORSA MEDIA (fondo medio)

Correre velocemente: gli allenamenti indispensabili – prima parte. Tratto da "Missione Correre".

correre velocementeCome accennato in un precedente articolo, esistono alcune grandezze atletiche che limitano la prestazione di un runner. Cerchiamo di capire come migliorare queste grandezze.
Dividiamo per semplicità gli allenamenti che concorrono a migliorare la soglia anaerobica (SAN) e il VO2MAX da quelli che riguardano invece la capacità o potenza aerobica.
Sono tutte tipologia di sessioni solitamente inserite nella fase della preparazione specifica (post periodo di costruzione e di potenziamento), l’ultimo prima della fase agonistica.

Come pulire il fegato e bruciare i grassi, rimedi naturali. Scritto da Eliana Cortez.

pulire fegato e bruciare grassi
I compiti principali del fegato sono l’eliminazione delle sostanze nocive e la produzione della bile che scompone i grassi all’interno dell”intestino tenue.  Una ridotta capacità del fegato di regolare il metabolismo, si traduce in un accumulo di grasso, soprattutto nella zona addominale. E il risultato è una pancia sporgente. Il sintomo più evidente è il rotolo di grasso che appare sotto l’ombelico di molte persone.

sabato 3 giugno 2017

La vitamina D, il sonno, la fame notturna. Scritto dal Dott. Pier Luigi Rossi.

Dott. Pier Luigi Rossi.
Siamo entrati in autunno, l’intensità e la durata della luce solare si riducono in modo progressivo. Questa condizione limita la produzione di vitamina D da parte della nostra cute.
Il mio consiglio è di controllare ora in settembre o al massimo nei primi giorni di ottobre il valore della vitamina D nel proprio sangue per evitare di entrare in autunno e poi in inverno con bassi valori di vitamina D, non devono essere inferiori a 30 nanogrammi/ mL. Se una persona alla fine dell'estate ha valori bassi di vitamina D, durante l'autunno e l'inverno andrà incontro ad una decisa riduzione del valore della sua vitamina D. Il rischio è non conoscere questi valori. La conoscenza è salute.

martedì 30 maggio 2017

Come combattere il diabete. Alimentazione ed attività fisica. Scritto dalla Dr.ssa Nadia Valente.

Il Diabete è una patologia in continua crescita: secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità i diabetici nel mondo, oggi più di 346 milioni, sono destinati a raddoppiare entro il 2030. Distinguiamo il Diabete di tipo 1 (insulinodipendentele, dove cellule beta del pancreas che producono insulina sono distrutte completamente da un processo di auto-immunità) dal Diabete di tipo 2 (legato spesso all'obesità , ad una alimentazione scorretta ed alla sedentarietà, dove la produzione di insulina da parte delle cellule beta è presente ma è inadeguata al fabbisogno, aumentato a causa del sovrappeso). 

venerdì 26 maggio 2017

Tendinite, prevenire efficacemente l'infiammazione. Scritto da Salvatore Pisana.

Tendine d'Achille
Uno degli argomenti ricorrenti dei nostri articoli riguarda la tendinite, ovvero l’infiammazione al tendine d’Achille, che rappresenta uno dei problemi fisici più diffusi tra i podisti.

I micro-traumi che colpiscono il tendine d’Achille possono derivare da traumi diretti, anche se la maggior parte dei problemi al tendine deriva dai sovraccarichi funzionali a cui è sottoposto e che spesso sono causa dello stato infiammatorio denominato appunto tendinite.
I fattori di rischio possono derivare da anomalie di natura funzionale (errata tecnica di corsa, calzature inadatte, discese ecc) e/o fisiche (dismetria degli arti inferiori, ginocchio valgo, ecc). Per questo motivo vogliamo darvi alcuni suggerimenti per prevenire questa fastidiosa infiammazione.

La ritenzione idrica. Scritto dal Dott. Pier Luigi Rossi.

Dott. Pier Luigi Rossi.
Come sapere se una persona trattiene troppi liquidi e conoscere il motivo? Dove sono localizzati questi liquidi in eccesso?

Noi siamo composti da acqua, almeno il 55 % del nostro peso deve essere acqua. Ciascuno può fare la sua valutazione. Però con il passare degli anni il corpo umano, donne e uomini, perde acqua. Il processo di invecchiamento consiste nel perdere muscolo, acqua ed accumulare grasso corporeo. Il peso totale non varia, ma cambia la composizione del corpo. Per conoscere la propria composizione corporea è utile eseguire una indagine, si chiama impedenziometria. E’una indagine incruenta, veloce, utile anche per conoscere la propria età biologica. Più acqua perdiamo e più siamo “vecchi”. L’acqua corporea si divide in acqua che sta all’interno delle cellule (acqua intracellulare) ed acqua che è fuori delle cellule (acqua extra cellulare).

mercoledì 24 maggio 2017

La corsa dal punto di vista di un atleta psicologo. Scritto da Matteo Simone (Corridori.net, 03-09-2008).

Perché uno corre?
Si inizia a correre per esempio perché invogliati da un amico, o su indicazione di un medico, o per partecipare a una corsa non competitiva.
Che succede dopo aver provato a correre?

In genere non si torna subito a correre perché la fatica ha lasciato il segno, ma, per pochi diventa un’occasione per fare qualcosa insieme, per stare con altri, per frequentare un gruppo, per stare all’aria, per tenersi in forma. Ci si incontra, si ha uno spazio e un tempo riservato, ci si interessa ai mondi altrui che piano piano si schiudono all’altro, si organizzano cene, viaggi.

Serotonina: 10 modi per stimolare l'ormone del buonumore. Scritto Da Marta Albè.

serotonina
La serotonina è un neurotrasmettitore presente soprattutto nel sistema nervoso centrale e nel tratto gastro-intestinale. Nell'apparato digerente, la serotonina regola la digestione, mentre a livello del sistema nervoso centrale, questo neurotrasmettitore è fondamentale per regolare l'umore, il sonno, l'appetito, l'apprendimento e la memoria.

domenica 21 maggio 2017

Guasila, 21-05-2017. Corsa Campestre Città di Guasila (Programma gara).

L'immagine può contenere: una o più persone e sMS

Perché andare a Guasila il 21 maggio 2017 mattina per gareggiare!?!

Chiesa di Guasila con centro storico visto dall'alto.
Ci sono tanti motivi per decidere, il 21 maggio a partecipare alla gara di “Corsa Campestre Madonna d’Itria” che si svolge a Guasila. Vediamo come si svolgerà il tutto.
Guasila si trova a 42 km da Cagliari per cui si può raggiungere dalla città in meno di 30’. Il ritrovo è alle 08,00 nel campo di calcio. E’ proprio lì che è prevista tutta la logistica dove si svolgeranno le iscrizioni alla gara e tutti i festeggiamenti “post gara”. Verso le 09,00 è previsto il trasferimento presso il punto di partenza (circa 600 mt) che avverrà nella Piazza di Chiesa alle 09,30. Nel frattempo è prevista una foto di gruppo presso le gradinate antistanti la chiesa parrocchiale. La gara dei giovanissimi avviene nel campo sportivi alle ore 11,00.

venerdì 19 maggio 2017

Brain power: 10 modi per potenziare il nostro cervello. Scritto da Francesca Biagioli.

brain power
Il cervello. Organo chiave del nostro corpo di cui ancora non si conoscono tutte le potenzialità. Una cosa però è certa: tutti abbiamo bisogno che funzioni al meglio. Ma che fare concretamente per alleggerirgli il lavoro o per rafforzarlo in modo che svolga al meglio i suoi compiti?
Ci sono dei modi davvero semplici di aiutare il nostro cervello a mantenersi in salute. Ve ne presentiamo 10.

L'attivita' fisica previene 40 malattie croniche. Scritto da Francesca Mancuso su "GreenMe".

correre
Il movimento previene oltre 40 malattie croniche, sia tra gli adulti che tra i bambini. La conferma arriva da un nuovo studio condotto dall'American College of Sports Medicine. Addio diabete, depressione, ipertensione e malattie cardiovascolari ma anche ansia e osteoporosi. Una corretta attività fisica è un toccasana per la nostra salute.

mercoledì 17 maggio 2017

Corrado Mazzetti: corro per divertimento, l’attività fisica mi ha salvato la vita. Intervista fatta da Matteo Simone (16-10-2015).

Corrado Mazzetti, esempio vivente dei miei pensieri, dei miei insegnamenti, delle mie convinzioni, è una persona da laboratorio di psicologia, attraverso la sua conoscenza puoi scoprire quanto è vera la teoria rispetto all’importanza dell’aspetto mentale nella vita e nello sport, per il benessere e per raggiungere i propri obiettivi, i propri sogni. Puoi scoprire la realtà degli emisferi, quando si parla del sinistro razionale che a volta ti blocca, e l’importanza dell’emisfero destro più immaginativo, più creativo. Corrado è una persona Resiliente, riesce a vedere la luce nel lungo tunnel, riesce a rialzarsi ogni volta da situazioni difficili, si piega ma non si spezza. Cosa importante riesce a trasmettere la sua esperienza agli altri, atleti, persone, educatori e soprattutto ai ragazzi.

martedì 16 maggio 2017

Allenamento: errori da evitare. Tratto da "Running Italia".

Durante l'allenamento o la corsa è facile commettere degli errori. Dai principianti a top runners, tutti possono sbagliare.
In questo articolo vogliamo elencarvi i 10 errori più comuni che vengono commessi e darvi alcuni semplici consigli per evitarli.
1. Nessun riscaldamento
Non praticare nessun riscaldamento prima di un allenamento o di una gara, è un errore che viene commesso molto spesso, soprattutto dai principianti e da coloro che non hanno esperienza nel campo. Il riscaldamento è molto importante, perchè prepara gradualmente i muscoli ad affrontare uno sforzo.

La nutrizione e la rigenerazione dei tessuti umani. Scritto da Gino Favola su "Ambiente Bio".

Ci si può stupire, specialmente se partiamo da una formazione medica convenzionale, ma il ciclo normale e naturale del corpo è uno stato di rigenerazione incessante. Senza la scintilla del processo di ricambio cellulare continuo all’interno del corpo – la vita e la morte incessantemente intrecciate – il miracolo del corpo umano non esisterebbe.

domenica 14 maggio 2017

Sono pronto per correre? Scritto da Samuele Graffiedi.

I corridori corrono tanto. Sembra un gioco di parole, ma è un dato di fatto. Una volta iniziato a farlo, tendono a correre sempre di più. La corsa è un’attività gesto-ripetitiva, per cui il movimento avviene attraverso uno schema obbligato, quasi forzato, su un piano solo.  Il piano su cui avviene il movimento durante la corsa è chiamato piano sagittale. Molto probabilmente siete seduti mentre leggete quest’articolo: bene, provate a stendere il ginocchio di fronte a voi e poi riportatelo indietro. Questo è un movimento sul piano sagittale.

Tutta la verità sul fruttosio. Scritto da Francesca Forcella Cillo.

Fruttosio
Il comune zucchero (saccarosio) e lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio sono purtroppo una parte preponderante della dieta occidentale. Sono dappertutto!
Entrambi sono costituiti da due zuccheri semplici: glucosio e fruttosio.
Il glucosio si trova anche nelle verdure amidacee come le patate, i nostri corpi lo producono e ogni cellula sulla terra contiene naturalmente glucosio. Si può dire quindi che è una molecola indispensabile per la vita.

mercoledì 10 maggio 2017

10.000 mt sub-29′: Giappone batte Italia: 131 a 3… sarà per questo che van forte? Tratto da "Queen Atletica".

Ieri abbiamo pubblicato una notizia sorprendente… fino ad un certo punto, a dire il vero, ovvero che ben 6 giapponesi sono scesi sotto i 28′ sui 10.000 in una super gara con ben 17 atleti sotto il medesimo tempo (diversi keniani e un etiope). Di questi 6 nipponici, in due sono scesi sotto i 27’30” abbattendo entrambi il precedente record nazionale.

I 15 laghi più belli e suggestivi d'Europa. Scritto da Marta Albè su "GreenMe".

laghi europa
Pace, tranquillità e valore naturalistico del paesaggio, ecco le tre caratteristiche principali che possiamo attribuire ai laghi più belli e suggestivi d'Europa
Si tratta dei luoghi ideali per rilassarsi o per trascorrere una vacanza in famiglia. Vere e proprie meraviglie ambientali che meritano di essere visitate almeno una volta nella vita.
Ecco alcuni dei laghi d'Europa da non perdere.

domenica 7 maggio 2017

Grasso addominale e ormoni. Scritto dal Dott. Pier Luigi Rossi.

Dott. Pier Luigi Rossi.
Non è importante QUANTO grasso hai, ma DOVE hai accumulato l’eccesso di grasso corporeo!
Non sono solo i chili di grasso a condizionare la salute ma sopratutto la distribuzione del grasso corporeo. La distribuzione del grasso corporeo è sotto l’influenza degli ormoni maschili e femminili.
Ogni nostra cellula ha un sesso cromosomico: DONNA XX, UOMO XY e reagisce in modo diverso all’eccesso di alimentazione.
Gli estrogeni fanno accumulare grasso nei glutei, fianchi, cosce, gambe.
Il testosterone nell’uomo e la carenza di estrogeni (donna in pre- e menopausa) fanno accumulare grasso nell’addome e nella parte superiore all’ombelico. Quando il giro vita comincia a salire vuol dire che il profilo ormonale nella donna cambia: gli estrogeni si riducono. 

lunedì 1 maggio 2017

Attenti ai carboidrati che aumentano la fame. Scritto da Giusy Ocello e pubblicato su "Ambiente Bio".

obesità
Carboidrati causa di obesità e dipendenza dal cibo. Questo il risultato di una ricerca scientifica condotta dai ricercatori dell’Obesity Prevention Center, presso il Boston Children’s Hospital, e pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition.
La ricerca mostrerebbe come i carboidrati al Alto Indice Glicemico (AIG) causino una forte dipendenza dal cibo, stimolando una continua ricerca di appagamento. Gli interessanti risultati sono stati riportati  in un articolo pubblicato ieri da La Stampa. Vediamo da vicino la ricerca e cerchiamo di capire quali sono gli alimenti pericolosi da limitare e, in alcuni casi, eliminare del tutto.

lunedì 24 aprile 2017

Test per il medio gluteo. Scritto da Samuele Graffiedi.

Abbiamo parlato in questo articolo dell’importanza del medio gluteo nella biomeccanica del corridore, e come una sua debolezza sia spesso la causa comune di  diversi infortuni da sovraccarico. Ora, se siete predisposti agli infortuni da sovraccarico, la prossima domanda che vi farete è: ”Chissà se il mio medio gluteo sarà abbastanza forte?”.
Mentre il test manuale che utilizzano i fisioterapisti richiede l’aiuto di un’altra persona, potete da soli farvi un’idea se il vostro medio gluteo è forte abbastanza da stabilizzare il bacino.
Nei casi più semplici basta assumere la posizione in piedi su una gamba sola, detta Single Leg Stance. Qui possono succedere diverse cose: nei casi più eclatanti si avrà una caduta del bacino verso il lato della gamba sollevata, nei casi più subdoli uno spostamento del tronco verso il  lato opposto. Questa seconda possibilità è esattamente quello che succede nell’immagine qui sotto. Il lato sinistro ha probabilmente dei problemi.
                                                         
                                                                               

giovedì 20 aprile 2017

Volete essere svegli e vigili? Non bevete caffè!!! Autore: Travis Bradberry, Ph.D.


La maggior parte delle persone inizia a bere caffeina, perché li fa sentire più vigili e migliora il loro umore. 

Molti studi suggeriscono che la caffeina in realtà migliora le prestazioni cognitive (memoria, capacità di attenzione, ecc) nel breve termine. 

Una ricerca presso la John Hopkins Medical School dimostra che gli aumenti di prestazioni a causa di assunzione di caffeina sono il risultato di bevitori caffeina che vivono un'inversione a breve termine di astinenza da caffeina.

Controllando l'uso di caffeina nei partecipanti allo studio, i ricercatori della John Hopkins hanno scoperto che il miglioramento delle prestazioni correlate alla caffeina è inesistente senza astinenza da caffeina.
In sostanza, ciò che è emerso è che la caffeina RIDUCE LE PRESTAZIONI COGNITIVE E HA UN IMPATTO NEGATIVO SULLO STATO D'ANIMO.

martedì 18 aprile 2017

Gli esami del sangue (trigliceridi, colesterolo HDL, glicemia). Tratto da "Project Invictus".

Gli esami del sangue sono degli indicatori fondamentali su come stiamo mangiando. Conoscerli e sapere quali livelli ottimali raggiungere ci permette d’elaborare strategie per migliorare i nostri parametri ematici. Trigliceridi, colesterolo e glicemia, sono i primi dati d’approfondire e migliorare, scopriamo perché.
C’è un episodio del fumetto Rat Man dove c’è una cicciona appassionata di  Start Terk (di quei fan sfegatati che si vestono coi costumi della serie televisiva). Per tutto il numero rompe le balle a tutti dicendo che lei è bella dentro, finché ad un certo punto della storia la nave dove sono affonda.

lunedì 17 aprile 2017

Bibite gassate: 10 motivi per smettere di berle. Scritto da Marta Albè.

bibite gassate
Le bibite gassate non solo non rappresentano una bevanda indispensabile per la nostra salute, ma anche un vero e proprio non-alimento, responsabile della diffusione di patologie come obesità, carie e diabete. 
Bere bibite gassate e zuccherate non soltanto comporta implicazioni negative per il nostro organismo e per l'ambiente, a causa dell'inquinamento e dello spreco di preziose risorse idriche, ma anche implicazioni sociali legate allo sfruttamento dei lavoratoriSmettere di bere bibite gassate significa anche boicottare le multinazionali produttrici delle stesse.

domenica 16 aprile 2017

Dieta Mediterranea. Tratto da "Dietaonline.it".

La Dieta Mediterranea identifica un modello nutrizionale basato sulle abitudini alimentari e tradizioni culturali dei paesi del bacino del Mediterraneo, in particolare Italia, Spagna e Grecia. Nel 2010 è stata dichiarata dall’UNESCO patrimonio culturale immateriale dell’umanità.
La sua scoperta si deve al biologo e ricercatore statunitense Ancel Keys che nella prima metà del ‘900 si rese conto che l’incidenza della mortalità per malattie cardiovascolari era molto più bassa nelle popolazioni dei paesi del bacino del mediterraneo rispetto ad altri paesi. Questo lo portò a formulare l’ipotesi che l’alimentazione caratteristica di quell’area geografica, nonostante l’elevato consumo di grassi vegetali quali l’olio d’oliva, fosse un fattore preventivo nei confronti dell’insorgenza delle principali cardiopatie. Da qui prese avvio una ricerca che coinvolse sette paesi, denominata “Seven Countries Study”, che confermò che nelle popolazioni mediterranee la mortalità per malattie cardiovascolari era molto più bassa rispetto ad altri paesi, ad esempio quelli nordici, dove la dieta era molto più ricca di grassi saturi e carni rosse.

sabato 15 aprile 2017

La sindrome del piriforme. Pubblicato su "Running Zen" e scritto da Ignazio Antonacci.

Dopo i continui stop di molti podisti, i quali sono costretti a fermarsi per diverso tempo compromettendo la preparazione atletica, o comunque costretti a correre con tensioni muscolari insistenti che limitano la loro corsa e quindi le loro prestazioni, ho pensato di presentare questo articolo su "La sindrome del piriforme"! Vedremo di seguito alcuni aspetti anatomici di questo muscolo, quali sono i sintomi che possono presentarsi in questa patologia, come poter risolvere il problema e soprattutto cosa possiamo fare per evitare che tutto ciò accada.

martedì 11 aprile 2017

Pressione arteriosa e peso corporeo. Scritto dal Dott. Pier Luigi Rossi.

La pressione arteriosa e' la forza con cui il sangue agisce sulle pareti arteriose. La pressione sistolica (valore massimo) e' la forza con cui il cuore spinge avanti il sangue nelle arterie. La pressione diastolica (valore minimo) e' la resistenza che il sangue incontra nel suo scorrere all'interno delle arterie che riducono il loro diametro, dal cuore verso i capillari. La pressione arteriosa va misurata tra le 6 e le 9 del mattino, prima della colazione e prima di prendere farmaci. In questa fascia oraria si ha il valore piu' alto della pressione arteriosa nella giornata. Chi vuole puo' eseguire un Holter pressorio con misurazione continua in 24 ore.

L'importanza della genetica: i test genetici. Tratto da Bioaesis Lab Genetica Medica.

La longevità di un individuo dipende dal suo patrimonio genetico, in una percentuale che si aggira attorno al 35% e dall’ambiente (65%). Se i fattori ambientali sono ben individuabili con una buona anamnesi e con i normali esami clinici, i fattori genetici possono invece essere individuati solo attraverso analisi specialistiche di recente formulazione, strumenti assai preziosi non solo per la possibilità di scoprire (e quindi prevenire) l’insorgenza di malattie ereditarie ma anche per prevenire le malattie più ricorrenti legate all’invecchiamento.

domenica 9 aprile 2017

Sovrappeso e bandelletta ileo-tibiale. Scritto dal Dott. Francesco Aversano.

Chi corre con un indice di massa corporea elevata ha molte più probabilità di infortunarsi rispetto a chi è normopeso. 
La corsa è uno sport altamente traumatico, basti pensare che le forze di impatto durante la corsa oscillano da 2 a 5 volte il peso corporeo, questo ci fa capire come aumenti la probabilità di
patologie da sovraccarico conseguenti alle enormi sollecitazioni a carico delle articolazioni e alle strutture di sostegno del piede e della caviglia.
Una delle patologie più comune tra i runners, causata anche dal sovrappeso, è la sindrome della bandelletta ileo-tibiale.
La sindrome della bandelletta ileo-tibiale, detta anche “ginocchio del corridore”, è una tendinopatia molto frequente nei podisti e di chi pratica sport di resistenza ed è legata al sovraccarico funzionale del compartimento esterno del ginocchio (il tratto ileo-tibiale della fascia lata).

venerdì 7 aprile 2017

Caffè a digiuno al mattino? No, grazie! Scritto da Gianpaolo Usai.


Molti italiani hanno l'abitudine di bere un caffè al mattino per colazione, a stomaco
vuoto. Senza mangiare nessun'altra cosa... ebbene la caffeina, come la nicotina e la 
teina, provocano sempre la produzione di acido cloridrico nello stomaco. Tale 
acido, a stomaco vuoto , si ritrova costretto a "digerire" la mucosa gastrica e puo'
irritare seriamente quella intestinale.

domenica 2 aprile 2017

7 semplici modi per combattere l'invecchiamento. Scritto da George Luis e pubblicato su "GreenMe".

invecchiamento
Ebbene si, l'invecchiamento si può combattere. Non solo: si può essere energici e vitali anche dopo una cosiddetta "certa età". Troppo spesso le persone si arrendono troppo presto pensando che indebolirsi con l'invecchiamento sia la cosa più naturale del mondo. Niente di più falso!

Dolcificanti naturali: 10 valide alternative allo zucchero bianco. Scritto da Carmela Giambrone su "GreenMe".

alternative_zucchero_bianco
Prima di parlare delle alternative allo zucchero bianco forse vorreste sapere perché mai dovreste sostituirlo o eliminarlo? giusta richiesta. 

sabato 1 aprile 2017

Il mito del colesterolo. Scritto da Andrea Deledda (Biologo nutrizionista).

Il colesterolo è una molecola fondamentale della vita animale, componente essenziale della membrana cellulare, in particolare dei neuroni (nel cervello risiede la maggior parte del colesterolo dell'organismo), precursore della vitamina D endogena, dei sali biliari e degli ormoni steroidei; è importantissimo per l'omeostasi energetica, tiroidea, sessuale, per la risposta immunitaria e allo stress. Non è presente negli alimenti vegetali.

Come spiega un bel libro, sul colesterolo sono diffuse molte bugie.

Iniziamo col dire che tra i fattori di rischi cardiovascolare, una rivista serissima come Nature mette il colesterolo all'ultimo posto, dopo ipertensione, fumo, diabete, inattività fisica, obesità. Cominciamo a cambiare questi, possibilmente senza farmaci, e poi potremo pensare al colesterolo.


venerdì 17 marzo 2017

Fegato, tiroide e peso corporeo. Scritto dal Dott. Pier Luigi Rossi.

Dott. Pier Luigi Rossi.
- il fegato è il regista del metabolismo
- la tiroide controlla la massa grassa corporea
- la chiave metabolica è la dose giornaliera dei carboidrati glicemici

UN RAPPORTO DI VITA BIOLOGICA
Esiste un rapporto vitale tra il fegato, la tiroide e l'alimentazione.
Mangiare un eccesso di carboidrati nella giornata favorisce l’accumulo di grasso nel fegato e su tutto l’organismo.
Mangiare una dose troppo ridotta oppure, peggio, eliminare del tutto i carboidrati danneggia le funzioni della tiroide, bloccando la perdita di peso.
La chiave metabolica del fegato, della tiroide, del peso corporeo è la giusta dose giornaliera di carboidrati glicemici.
Il mio consiglio è di non scendere al disotto di 80 grammi di carboidrati glicemici al giorno e di evitare la comparsa della chetosi (può essere evidenziata con strisce nella urina).
I carboidrati glicemici condizionano il valore della glicemia e della insulina dopo ogni pasto (glucosio, galattosio, fruttosio gestiti nel fegato).
I carboidrati non glicemici sono costituiti dalla fibra alimentare.
Molte persone sempre di più, in particolare donne, hanno fegato e tiroide compromessi nella loro funzione. Sono bloccate ed accumulano massa adiposa giorno dopo giorno.