giovedì 11 agosto 2016

Dimagrimento e massa muscolare. Scritto dal Dott. Francesco Aversano.

Il termine “dieta” è da sempre usato per indicare un qualcosa che si segue per un periodo e poi si abbandona, è per questo motivo che la maggior parte delle diete fallisce.
Questo tipo di dieta comporta vantaggi solo a breve termine, con una perdita di peso iniziale, per poi ritornare al punto di partenza.
Tra le cause di questa “disfatta” del peso forma c'è quasi sempre uno stile di vita sedentario che, unito ad errate abitudini alimentari, contribuisce all’aumento del peso corporeo.
Sebbene l’organismo umano abbia adottato meccanismi fisiologici per difendersi dalla perdita di peso corporeo, esso ha invece scarse difese contro l’aumento di peso quando il cibo è abbondante.
L’uomo nel corso dei millenni ha dovuto adattarsi ad un ambiente povero di nutrimento dove era difficile procacciare il cibo e costretto a rincorrere le sue prede, camminava per ore per raggiungere il “luogo di lavoro”.
La capacità di accumulare tessuto adiposo era un elemento essenziale per la sopravvivenza a differenza dei tempi moderni dove non è poi così difficile procurarsi da mangiare o spostarsi da un luogo ad un altro.
Infatti, siamo nati per correre e rincorrere, non per essere sedentari!
Inoltre per avere successo in una dieta bisogna riadattare il gusto ai cibi semplici di una volta come i cibi integrali che, oltre ad avere preziose proprietà nutrizionali che vanno perse poi con il processo di raffinazione, aiutano a dimagrire.
Le fibre contenute in questi alimenti, rigonfiandosi nello stomaco e nell’intestino, danno un maggior senso di sazietà favorendo anche un assorbimento lento e graduale degli zuccheri.
Facciamo un esempio concreto: consideriamo la signora X di anni 44 con un peso corporeo di 67 kg ed un’altezza di 160
cm, mediante un esame impedenziometrico si evince che la signora ha una scarsa massa muscolare ed una elevata massa grassa.
In queste condizioni pur seguendo una dieta senza un’adeguata attività sportiva, la signora avrà sicuramente un’iniziale perdita di peso per poi avere difficolta nel dimagrire successivamente per la scarsa presenza di massa muscolare.
Si intende evidenziare che il tessuto muscolare rappresenta la cilindrata del nostro“motore” umano ed avere scarsa massa muscolare ci porta a bruciare meno calorie e ci costringe a mangiare sempre di meno per raggiungere o mantenere il peso forma.
Quindi, per stare in forma bisogna saper mangiare e fare sport per non perdere la massa muscolare, la quale è essenziale al mantenimento di un metabolismo basale che non tende al minimo consumo. 
Il controllo delle dimensioni delle porzioni, il consumo di una dieta povera di grassi e una regolare attività fisica sono comportamenti che prevengono il sovrappeso o l’obesità.
La regolare attività fisica è finalizzata non solo al consumo calorico ma anche al mantenimento della massa muscolare. Quest’ultima è estremamente importante perché accelera il metabolismo, infatti, 1 kg di muscolo richiede all’organismo di bruciare 100 calorie in più per il suo mantenimento.
Questo non significa che dobbiamo diventare dei palestrati ma bisogna curare, attraverso lo sport, il mantenimento di una buona massa muscolare.

Per entrare nel sito "Nutrizione & Sport" clicca www.studioaversano.com

Nessun commento:

Posta un commento