lunedì 3 ottobre 2016

La postura e gli stati d'animo. Scritto da Corrado Mazzetti.

Corrado Mazzetti.
Il nostro cervello, sede di tutti i meccanismi di regolazione, funziona in modo completamente integrato, nulla accade per caso ed ogni azione influenza in modo significativo ogni parte del sistema.
Ad esempio, se state per tagliare il traguardo e lo "vedete", l'informazione visiva si trasforma in un segnale elettrochimico, producendo in tutto l'organismo una REAZIONE totale, atta a condizionare l'intero corpo umano e a prepararsi ad una delle tante reazioni ataviche : GRIDA, GIOIA, PIANTO.
In pratica l'occhio ci fa vedere l'immagine, il segnale arriva direttamente al sistema limbico (una delle parti più antiche del cervello) che ingloba nelle sue strutture anatomiche il sistema di regolazione endocrina dell'ipofisi; da qui partono i segnali alle varie ghiandole endocrine, distribuite saggiamente in tutto il corpo.
Risultato: il battito aumenta, le pupille si dilatano e, sempre a causa dell'ADRENALINA, i muscoli assumono un "tono" adeguato alla reazione per azione del GH, scatenando reazioni a catena che ci portano a dei comportamenti inconsci.
Abbiamo sempre pensato che l' INTELLIGENZA si localizzi esclusivamente nel "cervello", ritenendo che il corpo non fosse "intelligente". Grazie agli studi della PNL (Programmazione Neurolinguistica) abbiamo scoperto che la vera saggezza RISIEDE nel CORPO e per meglio capirlo vi parlo semplicemente di FISIOLOGIA e STATO.
Lo STATO in PNL si riferisce alla rappresentazione interna: ovvero tutta quella serie di reazioni che accadono nel nostro organismo a partire da un evento, esterno o interno che sia. Per esempio, se domani vi invitassi a correre con me per 100 chilometri potrei scrivere un libro con la semplice, ma certamente comica, descrizione delle vostre facce, reazioni, gesti, colore della pelle ecc....Ecco. Tutta quella serie, infinita e imprevedibile, di reazioni sono lo STATO in PNL. Per semplicità lo possiamo affiancare al concetto di STATO D'ANIMO della psicologia.
Adesso provate a fare questo semplice esercizio:
PIEGATE LA TESTA IN GIU', CURVATE LA SCHIENA E GUARDATE IN DIREZIONE DEI PIEDI, GIRATE IL CAPO A DESTRA E SINISTRA (come per dire NO). Ora pensate ad un evento poco piacevole della vostra vita, fatelo per pochi secondi, identificando le sensazioni che provate.
CI SIETE RIUSCITI?
Vi siete appena dimostrati che sapete pensare a cose negative: in altri termini siete capaci.
ORA, INSPIRATE PROFONDAMENTE E RADDRIZZATE LA SCHIENA, TIRATE INDIETRO LE SPALLE E ALZATE LO SGUARDO AL CIELO, sprigionate un sorriso a "72 denti" e assecondatelo con il gesto del capo per dire SI. Pensate nuovamente allo stesso evento poco piacevole di prima e cercate inutilmente di provare le stesse sensazioni
NON CI SIETE RIUSCITI?
Pensavate di essere capaci appena un attimo fa, ma il vostro "corpo intelligente" vi ha appena dimostrato che,attraverso i segnali che manda al vostro cervello, con la sua postura (FISIOLOGIA) può influenzare la vostra rappresentazione interna (STATO).
Cosa voglio dirvi? Che il corpo potrebbe agire come un'armatura, potrebbe proteggere i nostri stati d'animo dall'invasione dei pensieri negativi e rinforzare l'interno del castello nella costruzione di pensieri positivi e motivanti.
Allo stesso modo, potrebbe agire come un AMPLIFICATORE degli stati. Pensate a tutti gli sportivi che avete visto vincere: la vostra mente vi proporrà la loro immagine: spalle aperte, sguardo al cielo, sorridenti e fieri. Pensate, invece, agli sconfitti: il vostro cervello ve li riproporrà curvi su se stessi, spalle chiuse e sguardo perso a terra.
Qual ' allora la buona notizia?
IL CORPO, CON LA SUA POSIZIONE NELLO SPAZIO, ATTRAVERSO LA SUA POSTURA, informa il sistema nervoso del fatto che STA BENE. ll cervello, per confermare l'avvenuta comunicazione, invia un segnale di retro-alimentazione (feedback) scatenando tutti i segnali che chimicamente significano benessere, ormoni positivi o endorfine, impedendo così la configurazione d'immagini negative.
Se siete degli "sportivi" non c'è "garmin" che possa insegnarvi questo, anzi quando avete imparato a gestire la POSTURA nello spazio, il garmin diventa un orpello con il rischio che vi dica: " è impossibile che tu mi abbia battuto!"
Anche se non siete sportivi, adesso sapete lo stesso che il vostro corpo è più INTELLIGENTE della vostra testa, ed è sufficiente un semplice esercizio fisico (cambiare la postura nello spazio che occupate) per passare da uno stato d'animo "non positivo" ad uno POSITIVO, basta allenarsi per farlo diventare da conscio a inconscio (come il respiro, il battito del cuore ecc).
PROVATE, VI SORPRENDERETE!

Scritto di Corrado Mazzetti tratto dalla pagina fb "Il meglio deve ancora venire" pubblicato in data 02-10-16.

Nessun commento:

Posta un commento