mercoledì 24 agosto 2016

Perché correre: i benefici fisici. Tratto da "Missione Correre".

Sia che siate indecisi sull’iniziare a correre, sia che siate già runner in cerca di motivazioni per continuare, questo articolo cercherà di spiegarvi perchè correre è una delle cose migliori che possiate fare per l’oggetto di cui dovreste avere massima cura: il vostro corpo.
I vantaggi sono innumerevoli, quindi ne prenderemo in esame solo alcuni (i principali), senza la pretesa di essere assolutamente esaustivi. Abbiamo però pensato di suddividere in due articoli i diversi benefici, quelli “fisici” da quelli “psichici”

Dimagrimento
Il primo evidentissimo vantaggio, che spesso è anche il primo e solo motivo per il quale ci si avvicina alla corsa, è il dimagrimento.
La corsa è un’attività fisica di tipo aerobico e richiede un rilevante impegno fisico. Questo si traduce in un importante dispendio calorico, difficilmente raggiungibile con altri sport nel medesimo intervallo di tempo. In letteratura il consumo di calorie viene approssimato con la formula: KCal = 1 x km percorsi x kg di peso corporeo
Il che significa che un soggetto di 70 kg che corre 5 chilometri consuma circa 350 kcal (un piatto di pasta circa). Chiaramente si tratta di approssimazioni, in quanto ci sono diversi fattori che influenzano il consumo (es.: il terreno, l’economia di corsa, la pendenza), ma è un dato generalmente piuttosto attendibile. Non solo: l’aumento del consumo calorico continua anche nelle ore successive all’allenamento.
Cuore
Non è vero che la corsa allena solo i muscoli delle gambe. Avete mai pensato che anche il cuore si possa allenare? La corsa di resistenza, specie se praticata a media intensità, migliora l’efficienza cardiaca, rendendo il cuore più forte. Ciò che è più importante però è l’impatto dell’attività sui diversi fattori che possono scongiurare (o ridurre) diversi problemi cardiovascolari: aumento del colesterolo “buono” HDL (riduzione rischi di infarto), diminuizione dei trigliceridi e della glicemia (riduzione rischi di diabete), aumento della capillarizzazione e conseguente diminuzione della pressione sanguigna (riduzione rischi di ictus), aumento della fluidità del sangue (riduzione rischi di trombosi).
Apparato muscolo-scheletrico
Sia la massa muscolare che quella ossea tendono a diminuire con il passare degli anni (già dopo i 30), in maniera molto più consistente in soggetti sedentari. La pratica regolare di attività fisica permette di ridurre drasticamente la perdita di massa muscolare. La corsa inoltre, grazie ai continui piccoli impatti con il terreno, stimola l’attività degli osteoblasti, le cellule preposte alla formazione di tessuto osseo. Il che si traduce in una maggiore densità ossea con conseguente riduzione dei rischi di osteoporosi (specie nella donna). Inoltre la migliore efficienza dell’apparato muscolo scheletrico riduce notevolmente i rischi di cadute e di infortuni legati alle normale attività quotidiano. Raramente sentirete parlare di un runner (magari anziano) che si è rotto la testa del femore!
Invecchiamento
Gli sport di media/alta intensità sembrano ridurre sensibilmente il calo di produzione dell’ormone della crescita (HGH), processo che inizia dopo i vent’anni ed aumenta
sensibilmente dopo i 40. La riduzione di ormone della crescita è uno dei fattori che influenza l’invecchiamento. Di conseguenza, contrastandone la diminuzione, viene contrastato anche il processo di invecchiamento. Non solo quindi correre può migliorare la vostra vita, ma addirittura allungarla!
Difese immunitarie
Praticare il running come amatori (il discorso cambia per i professionisti) aumenta le risposte del sistema immunitario, sia nel breve che nel lungo periodo. Chi corre con pioggia invernale o addirittura con la neve non è un pazzo scatenato come pensano molti. Semplicemente la corsa adatta il sistema immunitario alle sollecitazioni durante la corsa e sembra che questo effetto, con la pratica costante, rimanga inalterato anche a riposo. Quanti runner “malaticci” conoscete?
Stitichezza
So che può far sorridere (dopo aver parlato di infarto, diabete e osteoporosi) ma questo è un fastidio particolarmente avvertito soprattutto dal genere femminile. Care amiche (o anche amici), lasciate stare i lassativi chimici ed iniziate a correre. Rimetterete in movimento (nel vero senso della parola) il vostro intestino in breve tempo e con un metodo assolutamente naturale.

Per entrare nel blog di "Missione Correre" clicca qui.


Nessun commento:

Posta un commento