martedì 22 novembre 2016

Gli effetti benefici dell'attività motoria sullo stato di salute. Tratto da: Diabete in... Movimento.

Pierpaolo De Feo

Direttore Centro CURIAMO (Centro Universitario di Ricerca Interdipartimentale Attività Motoria) - Università degli Studi di Perugia
  
Sono numerosi gli studi in letteratura sugli effetti fisiologici a lungo termine dell’esercizio fisico aerobico; i principali sistemi che vengono modificati sono il cardiovascolare, il muscolo-scheletrico, l’endocrino-metabolico e l’immunitario e la sfera psichica. 

I benefici a carico dell’apparato cardiovascolare riguardano miocardio, circolo coronarico e periferico. A livello coronarico è stato dimostrato:
1) un aumento del diametro interno delle arterie coronarie maggiori,
2) l’incremento del flusso coronarico massimale,
3) la neoformazione di arteriole e capillari,
4) la riduzione della reattività vascolare coronarica e
5) un’aumentata efficienza del trasporto di ossigeno.
Nel miocardio di soggetti allenati si verifica una riduzione del consumo cardiaco di ossigeno che è soprattutto conseguente al minore post-carico per la riduzione delle resistenze periferiche. La riduzione delle resistenze periferiche è, a sua volta, legata alla diminuzione del tono simpatico con prevalenza del tono vagale e spiega il calo della pressione arteriosa sia sistolica che diastolica, stimabile tra i 2- 5 mmHg nei normotesi e 5-15 mmHg nei soggetti affetti da ipertensione arteriosa essenziale.





Nel muscolo scheletrico la pratica regolare dell’esercizio fisico aerobico porta ad una modificazione della composizione in fibre del muscolo striato e di alcuni componenti dei miociti. E’ stato dimostrato l’aumento selettivo delle fibre muscolari lente (rosse), del loro contenuto in mitocondri, lo sviluppo di nuovi capillari muscolari e l’aumento dell’espressione in superficie dei GLUT-4, trasportatori del glucosio insulino-sensibili.
L’incremento della massa muscolare associato alla parallela riduzione della massa grassa cambia sostanzialmente la composizione corporea; la massa magra rappresenta più del 90% del peso di un soggetto ben allenato rispetto al 75-80% riscontrabile nei soggetti sedentari a parità di peso. Diversi studi epidemiologici dimostrano chiaramente la relazione inversa tra stato di forma fisica (VO2max) e sindrome metabolica. La VO2max dipende da una efficiente funzione mitocondriale; nella obesità associata al diabete vi sono multiple alterazioni della funzione mitocondriale correggibili mediante l’attività fisica aerobica che può migliorare anche del 30 % la VO2max, soprattutto, nei soggetti sedentari e poco allenati.
Il miglioramento della composizione corporea e della sensibilità insulinica si associa ad un assetto lipidico meno aterogeno (HDL aumentato, Trigliceridemia e LDL piccole e dense ridotte) con diminuzione di oltre il 50% della mortalità per eventi cardiovascolari. Sul sistema immunitario l’attività fisica moderata ha effetti positivi in quanto migliora le risposte umorali e cellulari (linfociti T). Tra gli altri effetti benefici riportati in letteratura va segnalata la riduzione statisticamente significativa dell’incidenza di cancro del colon e della mammella, di fratture ossee ed il miglioramento della sensazione di benessere con una chiara azione antidepressiva, più evidente nelle ore successive all’allenamento.

Per entrare nel sito di "Diabete in... Movimento" clicca qui.



Nessun commento:

Posta un commento