giovedì 25 agosto 2016

Idee nuove per il colesterolo: genomica nutrizionale. Scritto dal Dott. Pier Luigi Rossi.

Scrivo alcune riflessioni sul rapporto tra la genomica nutrizionale e il valore elevato del colesterolo - LDL, detto "cattivo" per la sua azione favorente l'aterosclerosi. 
La genomica nutrizionale studia gli effetti che le molecole alimentari possono esercitare sul nostro patrimonio genico, sul nostro DNA.
Ritengo che una delle cause principali dell'eccesso di Colesterolo nel sangue sia data da una carenza di recettori proteici per la lipoproteina LDL, ubicati nella membrana cellulare delle cellule del corpo umano. Il recettore proteico per la lipoproteina LDL-Colesterolo viene prodotto per diretto intervento del DNA cellulare.Questi recettori sono le "porte" attraverso le quali il colesterolo entra all'interno delle nostre cellule per essere utilizzato per ottenere ormoni (testosterone, estrogeni, cortisolo,,,) e vitamina D. 
Se la "porta " non c'è, cioè il recettore proteico non è presente sulla membrana cellulare, la lipoproteina LDL- Colesterolo non può scaricare il suo colesterolo. Non entrando dentro la cellula, il Colesterolo -LDL resta nel sangue. Cosi abbiamo un aumento del suo livello nel sangue.

DNA e COLESTEROLO
I recettori proteici, cioè le porte per la lipoproteina LDL- Colesterolo, sono bloccate perché all'interno delle cellule è contenuta una dose eccessiva di acidi grassi saturi di origine animale. Cioè questi acidi grassi saturi svolgono una azione genomica sul DNA, bloccando la sintesi dei recettori proteici per LDL-Colesterolo.
Quindi per ridurre il livello elevato di colesterolo LDL nel sangue, occorre cominciare con il ridurre il livello dei trigliceridi dopo ogni pasto.
Ma per conoscere il valore dei trigliceridi nel sangue è meglio eseguire le analisi al mattino o dopo ogni pasto per conoscere?
Dopo ogni pasto, esattamente dopo tre ore dall'inizio di ogni pasto.
Eseguire le analisi del sangue per la ricerca dei trigliceridi al mattino dopo ore di digiuno può essere del tutto inutile perché possiamo avere il valore dei trigliceridi "normale", quando invece è può essere davvero elevato dopo i pasti. In particolare dopo la cena.
Per conoscere il vero livello dei trigliceridi occorrerebbe eseguire la loro ricerca nel sangue dopo tre ore dall'inizio di un pasto, quando si realizza il PICCO LIPEMICO, cioè il valore più alto dei grassi nel sangue.
Con l'attuale modello di alimentazione basato su eccesso di carboidrati e di alimenti di origine animale, il numero delle persone colpite da elevati valori di colesterolo sarà sempre più vasto! Escludere gli alimenti contenenti io colesterolo può portare ad una riduzione solo del 10 % del valore del colesterolo totale.
Occorre intervenire con una alimentazione basata su scelte di genomica nutrizionale per permettere al nostro DNA di produrre i recettori proteici capaci di far entrare all'interno delle cellule la lipoproteina LDL- Colesterolo.
Pensare di risolvere questa epidemia di colesterolo elevato con lo yogurt o con le sole statine è riduttivo, non utile!
Ritengo che sul colesterolo ci sia un eccesso di gossip, di marketing commerciale e una scarsa conoscenza scientifica.

IL COLESTEROLO ....VIENE di NOTTE!
Ogni notte il fegato produce colesterolo, molecola fondamentale per ottenere ormoni e vitamina D.
Il colesterolo e' una molecola vitale, ne abbiamo 150 grammi nel nostro organismo. Il cervello e' l'organo piu' ricco in colesterolo! Ogni cellula può sintetizzarlo, ma la sua maggiore produzione avviene nel fegato e nella cute, durante la notte.
Esiste il colesterolo esogeno proveniente dagli alimenti e il colesterolo endogeno prodotto dalle nostre cellule! La peggiore alimentazione può apportare al massimo 300 mg in una giornata! Quindi il ruolo diretto di introduzione del colesterolo alimentare e' limitato.
La bile ogni giorno immette nell'intestino oltre 700 mg di colesterolo, piu del doppio di quello alimentare (colesterolo esogeno) ogni notte fegato e cute e altre cellule producono circa 2 grammi (colesterolo endogeno).
Il colesterolo e' la molecola base per ottenere tutti gli ormoni sessuali femminili e maschili ( estrogeni, progesterone, testosterone ..) per ottenere la vitamina D e altre molecole vitali! Il colesterolo costituisce il 20% della membrana di ogni nostra cellula.
Una volta formato il corpo umano non riesce a distruggere il colesterolo, può solo eliminarlo con la bile.
Ciascuno ha la sua dose personale di colesterolo. Si accetta come valore guida naturale 200 mg - 100 ml nel sangue.

TRE TIPI DI COLESTEROLO
Il colesterolo totale e' composto da tre componenti:
1 - LDL - colesterolo " cattivo" per aterosclerosi
2 - HDL - colesterolo "buono" protettivo pareti arteriose
3 - colesterolo esterificato
Il colesterolo essendo una molecola lipidica per stare nel sangue richiede di essere veicolato all' interno di contenitori composti da proteine espresse con le sigle LDL / HDL .
Il terzo colesterolo esterificato è correlato con la lipoproteina a (Lpa), che può essere ricercata nel sangue.
Un suo valore elevato è un fattori di rischio per trombosi ed infarto.
Il valore del colesterolo totale può aumentare a causa del suo ridotto consumo per la sua trasformazione in ormoni femminili e maschili, in vitamina D. Chi ha valori elevati di colesterolo può avere un basso contenuto di vitamina D, con le relative patologie ossa e del sistema immunitario. Con il passare degli anni il numero delle cellule costituenti il nostro corpo diminuisce, il colesterolo non viene utilizzato per produrre le membrane cellulare! Il colesterolo aumenta nel sangue per riduzione del suo utilizzo!
L' eccesso di LDL- colesterolo nel sangue viene aggredito dalle continue e rapide oscillazioni della glicemia dopo ogni pasto! Valori alti di glicemia dopo i pasti causano l'unione del glucosio con le particelle LDL- colesterolo, processo biochimico detto glicazione proteica.
Questa e' la causa di aterosclerosi!
Oggi si crede di risolvere questo complesso processo del colesterolo, bloccando la sua produzione con statine.
E' una scelta sulla quale occorre fare una riflessione seria! Pensare che uno yogurt possa ridurre il colesterolo in modo serio, e' marketing commerciale! Una sana alimentazione può incidere solo per il 10% sulla riduzione del colesterolo!
Consiglio: limitare gli alimenti di origine animale, ricchi di acidi grassi saturi, limitare la dose giornaliera di carboidrati che possono essere trasformati in acidi grassi saturi nel fegato, incrementare alimenti di origine vegetale come verdura, legumi, cereali interi, frutta, centrifugati..e pesce!
Ho scritto alcune affermazioni difficili, ma oggi e' il tempo dei contenuti e occorre avere conoscenze scientifiche più approfondite per vivere in salute.
Occorre rifiutare il gossip scientifico e dietetico: base del marketing economico fondato sui valori del colesterolo nel sangue!
L'ignoranza, non conoscenza, causa la malattia!


Post pubblicato su fb nel profilo del Dott. Pier Luigi Rossi in data 12-10-14.

Per entrare nel sito del Dott. Pier Luigi Rossi clicca qui

Nessun commento:

Posta un commento