martedì 20 dicembre 2016

Idee di salute. Scritto dal Dott. Pier Luigi Rossi.

Dott. Pier Luigi Rossi.
INFLUENZA e VITAMINA D
La chiamarono “influenza” i medici del ‘600. Credevano che la febbre del carnevale, che ogni anno colpiva a Gennaio e Febbraio, era causata dall’influenza degli astri sulla salute umana. 
Non conoscevano la esistenza dei virus. 
Molte persone si ammalano di più durante l’inverno perché hanno un basso valore di vitamina D, al di sotto di 30 nmol/L.
Milioni di persone in Italia non conoscono il valore delle vitamina D nel loro sangue. Il 40% della popolazione è carente in vitamina D.
Il 90% della vitamina D è ottenuta per l’effetto dei raggi solari sulla cute. Ma durante l’inverno non si sta al sole, con il risultato di non ottenere la benefica azione dei raggi solari sulla salute umana. Solo il 10 % è ottenuta con l’alimentazione (pesce, formaggi, uova, funghi, burro…).
La vitamina D è la regina del sistema immunitario, difende l’organismo dalla aggressione delle malattie invernali. Non è solo la vitamina C a proteggere il corpo umano durante l’inverno, come si è sempre pensato, ma anche la vitamina D
Il ruolo della vitamina D sul sistema immunitario di difesa è superiore alla vitamina C.
Consiglio di ricercare il valore della vitamina D nel sangue e in caso di carenza, procedere senza esitazione d integrazione di questa vitamina per avere una più efficace e costante protezione durante l’inverno.

SONNO e PESO CORPOREO.
Chi dorme poco tende ad aumentare il proprio peso corporeo. Per dimagrire occorre ben dormire almeno cinque – sei ore in una giornata. L’insonnia porta a mangiare più carboidrati e dolci. Una notte insonne fa diminuire l’ormone LEPTINA l’ormone della sazietà e fa aumentare un altro ormone la GRELINA, ormone della fame.
Chi dorme poco ha tutte le condizioni per ingrassare.
Chi dorme bene, chi non russa ha MENO GRELINA e PIU’ LEPTINA ormoni che influenzano il benessere e il peso corporeo.
Chi dorme bene e tante ore, ha quindi meno appetito e tende ad avere un giusto peso forma. Chi ha un buon sonno è più sano!
Senza la vit D si soffre di insonnia. Non si dorme bene. Ricerche attuali stanno confermando il ruolo della vitamina D sul sonno per la sua azione su nuclei dell' ipotalamo, un centro del cervello che ha funzioni di regia delle principali funzioni vitali!
In caso di carenza di vit D, consiglio una integrazione con alcune gocce da assumere nel tardo pomeriggio per ottenere i benefici della vitamina D sul sonno, sul controllo della grelina (ormone della fame) e leptina (ormone della sazieta'). Chi russa tende ad avere valori elevati di grelina con il desiderio di mangiare di continuo.

ANANAS e MENTA!
Ananas fresco e menta e' una combinazione seducente, piacevole! L'ananas in scatola perde gran parte delle sue proprietà nutrizionali.
Netta e' la riduzione nell'ananas in scastola della bromelina, un enzima contenuto invece nel frutto fresco e capace di aiutare stomaco ed intestino nella digestione delle proteine alimentari! Inoltre la bromelina, avendo un basso peso molecolare, viene assorbita e può svolgere una azione positiva di idrolisi sulle proteine sieriche uscite dal sangue capillare nei vari organi corporei e bloccate nel tessuto connettivo, responsabili degli edemi e delle gambe "gommose": molli e grasse!
La bromelina viene distrutta dal calore, pertanto nelle crostate e marmellate con ananas non la si ritrova piu'! Consiglio di scegliere ananas fresco, tagliato direttamente al momento dell'uso e di abbinarlo con foglie fresche di menta.
Ottimo spuntino nel pomeriggio o dopo cena! Tanta fibra alimentare idrosolubile con funzione prebiotica, utile per igiene e benessere intestinale, integrata con i principi attivi della menta!

ACQUA AI PASTI
La affermazione di non bere acqua ai pasti è destituita da ogni fondamento scientifico perché la digestione dei principi nutritivi (proteine, lipidi, carboidrati) si realizza attraverso enzimi chiamati idrolasi, in grado di inserire una molecola di acqua nelle proteine, lipidi e carboidrati. L'insieme della azione delle idrolasi, degli enzimi pancreatici, enzimi enterici e della bile condiziona la digestione enzimatica che avviene nell'intestino tenue. Avere una digestione "enzimatica" nell'intestino tenue compromessa, alterata, contribuisce alla modifica del microbiota nel colon, perché il cibo non digerito nel tenue arriva nel colon dove non dovrebbe stare.
Questa condizione altera la composizione del microbiota generando disturbi intestinali con meteorismo, stipsi, sindrome del colon irritabile.. e gravi patologie degenerative.
Un microbiota modificato influenza il metabolismo dell'intero organismo favorendo la obesità. La salute e un sano peso corporeo nascono dall'intestino.

COLAZIONE PROTEICA.
Per chi vuole recuperare il suo peso forma e dimagrire consiglio la colazione proteica. Con una colazione proteica prolunghiamo l’effetto del glucagone attivo durante la notte. Ha una azione dimagrante perché scarica gli adipociti del grasso accumulato. Alimenti ricchi di carboidrati bloccano l’effetto dimagrante del glucagone perché entra in azione l’insulina, ormone antagonista che fa accumulare grasso. La classica colazione dolce e calda all’italiana non è sempre salutare perché stimolala secrezione di insulina.
Alle 11 si ha fame!
Indico un modello di colazione proteica:
- Bevanda calda: tè, o orzo, o tisana o caffè non zuccherato o limonata calda;
- Alimento proteico: prosciutto crudo magro (g 30), o prosciutto cotto sgrassato (g 30), o fesa di tacchino arrosto (g 50), o ricotta vaccina (g 100), o frittata con solo albumi, o bresaola (g 30) o formaggio a pasta dura (g 20);
- Alimento glucidico: 3 gallette di riso o di farro o di mais, oppure pane integrale di segale g 40 o pane integrale di frumento g 40 o frutta di stagione. 



Post pubblicato su fb nel profilo del Dott. Pier Luigi Rossi in data 20-01-15.

Per entrare nel sito del Dott. Pier Luigi Rossi clicca qui

Nessun commento:

Posta un commento